MENU DI NATALE DI CARNE

Eccoci quì con il menù di Natale di questo faticoso 2022!

E dato che, quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a magiare (ah, non era così? hehe), noi ci siamo armati di tante deliziose preparazioni per rendere davvero speciale questo Natale 2022.

Questo menù di Natale è davvero semplicissimo da realizzare e, per aiutarvi ancor meglio, con Cargo, abbiamo pensato di mettere a disposizione particolari tools che potranno venire ulteriormente in vostro aiuto nelle varie preparazioni.

Il menù di Natale 2022 è un menù Natalizio a base di carne, o almeno, quest’anno abbiamo scelto di procedere in questo senso.

Il menù prevede un antipasto super scenografico, realizzato con una Smoking Gun targata Sage, un primo a base di pasta ripiena con una combo davvero sfiziosa e insolita come ripieno (realizzata con l’aiuto della macchina per la pasta Marcato Pasta e i suoi deliziosi stampini per pasta ripiena), un secondo cotto lentamente e pazientemente in una cocotte Staub e un dolce davvero godurioso e semplicissimo da realizzare grazie agli stampi Nordic Ware.

Il grande rigraziamento va a Cargo HT che da anni ci rifornisce di tutti gli accessori che giornalmente utilizziamo nella nostra cucina e con i quali collaboriamo mensilmente alla realizzazione dei loro contenuti legati al food! Grazie alla loro fiducia abbiamo potuto creare questo menù di Natale che speriamo faccia contenti molti di voi!

Non siete contenti di queste proposte? 

Bene, siete davvero molto esigenti, ma noi non ci spaventiamo! Sotto ogni portata troverete anche altre proposte presenti nel nostro database di ricette, che, se vorrete, potrete sbirciare per bene per farvi venire delle super idee!

Siete pronti a cominciare?

 

ANTIPASTO CHE STUPISCE: SOUFFLE’ DI CIPOLLE CON FONDUTA D’ALPEGGIO E CIALDA DI PARMIGIANO 

Accessori utilizzati

Smoking Gun Sage

Dosi per 4 porzioni

per i soufflè:

4 cipolle dorate
2 uovo
30 g di pangrattato
60 g di di parmigiano grattugiato
60 g  di pecorino grattugiato
olio extravergine di oliva
sale
pepe nero

per la fonduta d’alpeggio:

300 g di toma d’alpeggio

200 g di panna fresca da cucina

per guarnire:

160 g di Parmigiano

 

Procedimento:

Pulite le cipolle, tagliatele a fettine sottili e fatele stufare a fuoco basso in una padella con un goccio di olio. Quando si saranno appassite per benino, frullatele.                   In una ciotola mettete il tuorlo d’uovo e in un’altra l’albume. Nella ciotola con il tuorlo versate le cipolle frullate, unite il pangrattato e i formaggi, aggiustate di sale e pepe e amalgamate bene il tutto. Montane a neve l’albume con un pizzico di sale e unitelo a cucchiaiate al composto di cipolle, amalgamando con movimenti delicati dal basso verso l’alto per non farlo smontare. Ungete i pirottini con un goccio di olio e distribuite il composto. Se preferite, potete utilizzare il burro. Infornate in forno già caldo a 180° per circa 15/20 minuti finché saranno belli gonfi e poi azionate il grill alla max temperatura per 2/3 minuti per formare una leggera crosticina in superficie.

Lasciate intiepidire 10 minuti e poi sformate su un piatto, dove precedentemente avrete messo, sulla base, la fonduta d’Alpeggio. In una padella, su un quadrato di carta forno, disponete 40 g di Parmigiano a formare un cerchio. Accedete i fornelli a fiamma bassa e lasciate sciogliere il formaggio finché non sarà ben dorato. Togliete dal fuoco, fate raffreddare e togliete la carta forno: ecco la vostra cialda di Parmigiano super croccante! Dividetela a metà e posizionatela sul soufflé!
Coprite con la cloche e azionate la Smoking Gun, finchè la cloche non sarà piena di fumo. Lasciate così qualche secondo e quando servite alzate la cloche: vedrete che meravigliosa sorpresa per gli ospiti!
Alternative:

L’INSOLITO PRIMO: RAVIOLI DI NATALE CON RIPIENO DI SALSICCIA E PERE, CONDITE CON BURRO NOCCIOLA, SALVIA CROCCANTE E PINOLI

Accessori utilizzati:
Macchina per la pasta Atlas 150

Dosi per 4 porzioni

Ingredienti per la pasta (4 porzioni):
300 g di semola rimacinata
3 uova
5 g di sale
per il ripieno:
200 g di salsiccia di vitello
3 pere piccole
sale
pepe
per condire:
200 g di burro
10 foglie di salvia
100 g di nocciole del Piemonte
20 g di pinoli
Procedimento:
Iniziate col preparare la pasta dei ravioli mettendo su un piano tutta la semola rimacinata e facendo centralmente spazio per le uova. Mettete le uova tutte al centro e poi, muovendo la forchetta dal centro verso l’interno, piano piano, iniziate a mescolare, aggiungete poi il sale e impastate bene il tutto.
Formare un panetto omogeneo e mettere in pellicola trasparente e lasciare riposare per 30 minuti almeno, affinché l’impasto si rilassi.
Nel frattempo preparate il ripieno. Pelate le pere e tagliatele a pezzettini piccolissimi, poi prendete la salsiccia e privatela del budello e iniziate a rosolarla in padella a fuoco vivo per circa 10 minuti. Quando la salsiccia sarà bella rosolata, aggiungete le pere e lasciate appassire ed ammorbidire. Quando le pere saranno morbide, azionate un mixer e frullate tutto in modo però, abbastanza grossolano. A me piace che rimanga qualche pezzettino per donare texture al ripieno.
Mettete il ripieno a raffreddare e quando sarà freddo, mettete in sac a poche e iniziate a guarnire la pasta.
Prendete l’impasto della pasta e dividetelo in 4 parti. Stendete ognuna delle parti con la macchina per la pasta ad uno spessore 1, poi gradualmente arrivate fino lo spessore 6. La pasta per i ravioli non deve essere eccessivamente sottile ma nemmeno troppo doppia sennò risulterà stucchevole.
Una volta stesa la pasta, aggiungete il ripieno e chiudete con un altro pezzo di impasto la parte superiore dei ravioli. Con lo stampino, tagliate i vostri ravioli e metteteli su un vassoio, spolverizzandolo con semola rimacinata.
Mentre finite di riempire i vostri ravioli, preparate il burro nocciola.

COS’è IL BURRO NOCCIOLA? Il burro nocciola prende il suo nome dal colore che assumerà dopo la sua preparazione, ossia un color nocciola. Ma come si ottiene? Si ottiene lavorando e riscaldando un burro di buona qualità fino all’attivazione di una reazione di caramellizzazione degli zuccheri, che non è però la reazione di Maillard ma una reazione pirolitica. Questo passaggio permette al burro di assumere un sapore particolare, nocciolato, caldo e avvolgente, complesso e un colore brunito.

COME PREPARARLO? Basterà, semplicemente, sciogliere lentamente in un pentolino il burro fino a farlo diventare color nocciola. Dovrete arrivare circa fino i 40 gradi che è il punto di fusione (quali) del burro. Man mano che la temperatura si alzerà, l’acqua evaporerà e ciò che resterà sarà una parte schiumosa e densa, che, arrivata a 120°C subirà un processo di caramellizzazione. NON DOVRETE MAI ANDARE OLTRE QUESTA TEMPERATURA.

Dopo aver preparato il burro nocciola, aggiungete al burro, le nocciole, i pinoli e la salvia e lasciare riscaldare ancora un pochino, finchè la salvia non diventerà croccante  (mi raccomando non alzate troppo la temperatura del burro sennò rischierete di bruciarlo, tenetevi sempre sotto i 120°C).

Mettete a bollire una pentola d’acqua e versate i ravioli. Impiegheranno circa 5-6 minuti per cuocere.
Una volta cotti, scolateli con un colino e poi passate in padella per mantecare con il burro nocciola!
Servite con una spolverizzata di formaggio grattugiato!
Alternative:

QUANDO IL SECONDO SI FA SEMPLICE: STINCO COTTO IN COCOTTE CON CUMQUAT

Accessori utilizzati:

Cocotte STAUB 24cm

Dosi per 2 stinchi

Ingredienti:

2 stinchi di maiale

4 cipolle

1 bottiglia di birra bionda da 0,66 l

rosmarino, salvia, pepe, paprika

300 g di cumquat

sale

20 ml di olio extravergine di oliva

 

Procedimento:

Tritare il rosmarino e la salvia e mettere in una ciotola con il pepe e la paprika. Aggiungere il sale e l’olio e mescolare. Ungere gli stinchi con questa marinatura e mettere in una ciotola per 6 ore. Una volta marinati, disporre in una pentola in ghisa e aggiungere le cipolle tagliate a quarti e i cumquat tagliati a metà. Lasciare rosolare bene su tutti i lati e quando saranno ben dorati, aggiungere la birra, coprire con il coperchio e lasciare cuocere circa 3 ore. Quando saranno passate le tre ore, mettere in forno a 200 gradi, modalità grill e lasciare rosolare per bene per 20 minuti.

Il sughetto si ridurrà e verrà poi servito con lo stinco e i cumquat.

 

*il quid in più di utilizzare una pentola in ghisa è ormai ben risaputo da tutti. Si presta bene alle lunghe cotture ed è adatta per cotture in forno! Le pentole in ghisa STAUB, grazie alla superficie di cottura e l’interno smaltato nero opaco va a costituire un vantaggio culinario in più per rosolare, brasare e arrostire meglio. Inoltre il coperchio è progettato e brevettato in modo che, durante la cottura, si verifichi una minore fuoriuscita di vapore (grazie alle semisfere presenti all’interno del coperchio piatto) e una ricaduta del vapore verso il basso, in modo da mantenere sempre ben umido tutto ciò che verrà cotto al loro interno. Insomma, un piccolo gioiellino per chi vuole sbizzarrirsi con mille tipologie di cotture diverse!

Per i contorni da abbinare vi propongo delle ricette imperdibili:

peperoni peperlizia di mia nonna

Tris di insalate autunnali ( ma che possono essere anche invernali!)

 

Alternative:

Insalata di polpo con patate all’aneto e cumquat (variante pesce)

cappone arrosto con clementine al rum e vaniglia

costine di maiale marinate sottovuoto con insalata di spinacino e germogli

pollo marinato con uva red globe ed erbette

DOLCE: BON BON GODURIOSO AI TRE CIOCCOLATI E CARAMELLO

        

Accessori utilizzati:

Bundt brownie pan Nordic Ware

Ingredienti:

1 uovo intero

130 g di farina 00

50 g di cacao amaro

250 ml di latte

50 g di burro sciolto

3 g di sale

1/2 bustina di lievito per dolci

40 g di cioccolato fondente 70% a scaglie

40 g di cioccolato al latte a scaglie

40 g di cioccolato bianco a scaglie

 

Procedimento:

Il giorno precedente o qualche ora prima, preparate il caramello seguendo la ricetta presente quì

Dopo averlo preparato, mettetelo a raffreddare in un barattolo e utilizzatelo quando i dolcetti saranno pronti!

Procedete a preparare l’impasto per i dolcetti, inserendo in una ciotola tutti gli ingredienti e mescolando grossolanamente. Imburrate lo stampo Nordic Ware e riempite tutti gli spazi. Mi raccomando, quando riempirete i singoli spazi, fatelo fino la metà perchè cresceranno in cottura.

Infornate in forno statico a 180°C per 20 minuti e fate la prova stecchino: dovrà risultare ben pulito, solo allora saranno pronti.

Quando saranno cotti, sfornate e aspettate 10 minuti, dopo di che, sformateli su una gratella e lasciate raffreddare.

Quando saranno tiepidi cospargete di caramello nella parte centrale e gustateli…. mi raccomando, uno alla volta 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 3 =