Burger Buns Brioche : panini soffici per Hamburger

Ok, devo ammetterlo, l’unico vero motivo per cui adoro gli hamburger sono i buns. Cioè, mi spiego meglio, non che tutto ciò che ci metto dentro non mi piaccia, eh, ma devo ammettere che un buon burger buns fa davvero la differenza quando parliamo di Hamburger ben fatti. Che siano di carne , vegetariani, vegani, con pesce.. posso affermare che “se c’è il panino, c’è gran parte del lavoro assicurato”.

E’ vero, ogni materia prima che si rispetti di un buon hamburger , deve essere curata e rispettata, ma saper bene scegliere quale panino può accogliere tutto questo, significa completare l’opera di un capolavoro già in atto.

Veniamo alle mie personalissime regole per definire un burger buns degno ti tale nome:

Un panino con hamburger dovrebbe essere morbido e soffice, ma mai pastoso o rigido.Questo significa che , non sono deve essere morbido, ma allo stesso tempo asciutto all’interno e capace di accogliere i liquidi che l’hamburger ( veg o no…) rilascerà dopo la cottura , oppure le salse che introdurremo, o altro condimento che sceglieremo di utilizzare. Non dovrebbe sminuire il sapore di ciò che troviamo all’interno, quindi deve avere un sapore delicato, leggermente dolciastro , ma di carattere, in modo che possa essere un valore aggiunto nel complesso.

La parte esterna deve essere ben dorata, leggermente caramellata, e i semini, oh i semini! devono essere di sesamo, per me. Poi però se voi volete aggiungerne di altri, fate pure: massima libertà di espressione.

Parlando di consistenza dell’hamburger: cos’è che va ad influenzarne la riuscita? Ovviamente l’incordatura dell’impasto. E’ qualcosa che potrebbe essere sottovalutato, ma è fondamentale che l’impasto sia ben incordato perchè i vostri panini saranno davvero soffici solo in funzione di una buona incordatura e di una buona dose di grassi aggiunti.

I grassi possono essere vegetali o animali. Potete scegliere di aggiungere burro o strutto al vostro impasto. Potete scegliere anche di utilizzare solo olio extravergine di oliva per una versione “light”, se così vogliamo definirla. Potete scegliere ciò che volete, ma con delle piccole accortezze a riguardo.

Il burro conferisce il classico sapore dolciastro, insieme al latte, ai nostri buns. Io preferisco la versione col burro a quella con lo strutto e, nel mio caso, la trovo più digeribile. Nulla togliere allo strutto, assolutamente, ma si tratta di pareri personali a riguardo.

La versione con solo olio non mi dispiace, se devo abbinarci un hamburger vegetariano ,magari, ma, devo essere sincera,non mi sento di definire quest’ultimo IL PERFETTO BURGER BUNS. Anche quì, però , pareri personali.

Nel caso scegliate di utilizzare solo olio extravergine di oliva, utilizzatene comunque , uno che non abbia un sapore troppo deciso ed acidulo.La quantità da utilizzare su 500 g di farina sarà di 50 g totali.

Amido di mais

Dona morbidezza all’impasto e tende ad “asciugare” in modo bilanciato l’interno del burger buns. E’ facoltativo, ma se lo utilizzerete, noterete la differenza.

Latte

Come dicevo prima , il latte serve ad arricchire il sapore dei nostri buns , oltre che ad aggiungerne dolcezza. Potete sostituirlo con latte di avena o riso (ovviamente non avranno lo stesso sapore! Non per questo saranno meno buoni). Se non volete utilizzare nessuno di questi, sostituite con acqua in pari quantità.

Zucchero

Se vi state chiedendo se sono troppo dolci questi panini, vi dico subito di no. Hanno la perfetta combinazione di sapidità, tipica dei veri burger buns.

Burro

Se usate il burro, questo aiuterà a mantenere una certa umidità all’interno dei burger buns, fungendo da materiale “isolante”, passatemi il termine, essendo ricco di grassi. Vi consiglio, per avere un effetto “appena sfornato” , di riscaldare i buns , prima di farcirli. Saranno come appena cotti, anche dopo 2-3 gg.

Pet tutti quelli che “posso congelare i miei burger buns?”

Ovviamente si!

Potete congelare i vostri burger buns aspettando un’oretta dopo che li avrete sfornati, quando saranno a temperatura ambiente. Potete metterli in una bustina freezer o una busta ermetica (tipo quelle Ikea) e congelarli. Sono ottimi sia se scongelati e lasciati a temperatura ambiente, oi passati in pentola oppure scongelati con il microonde. Vi consiglio sempre di congelarli interi e non tagliati a metà, ho notato che trattengono di più , intatte le loro caratteristiche organolettiche.

 

Credo di avervi detto tutto, ma qualora mi fossi dimenticata di qualcosa non me ne vogliate, farcite il vostro burger buns e procedete all’assaggio!

 

INGREDIENTI PER L’IMPASTO

500 g di farina TIPO 1*

30 g amido di mais ( facoltativo , ma consigliato)

7 g lievito di birra fresco*

40 g zucchero di canna

200 g latte tiepido (24°C)

30 g acqua tiepida (24°C)

60 g burro a pomata

10 g di olio extravergine di oliva

12 g sale

INGREDIENTI PER GUARNIRE

1 tuorlo d’uovo

30 g di latte

semi vari (io preferisco il classico sesamo)

 

*potete decidere di utilizzare anche licoli e in tal caso vi consiglio di utilizzarne 150 g.

*potete decidere di fare un mix di farine e in tal caso vi consiglio di utilizzare, ad esempio, 300 g di tipo 0 e 150 g di integrale, o farro o multicereali. In questo caso specifico io ho utilizzato la TIPO 1

PROCEDIMENTO

Disponete tutti gli ingredienti nella planetaria , tranne il burro e l’olio. Impastate bene fino ad ottenere una perfetta incordatura e solo quando saranno ben incordati, aggiungete il burro, e l’olio a fasi alterne , in piccole dosi. Non aggiungete altro burro ed olio fino a che la dose precedente non verrà assorbita dall’impasto.

Una volta inserito tutto il burro e l’olio, mettete in un contenitore l’impasto e fate raddoppiare.

Segnate il livello dell’impasto iniziale in modo da accorgervi quando raddoppierà. Non importa il tempo che ci metterà, questo dipenderà da vari fattori, ma guardate il raddoppio.

Una volta raddoppiato, procedete alla pezzatura e alla formatura dei burger buns.

Per la pezzatura: ogni burger buns dovrà pesare 130g, procedete pesando ogni pezzo di impasto con una bilancia fino a dividerlo del tutto. Solitamente con queste dosi io riesco ad ottenere 8 burger buns circa.

Prendete una teglia rivestita di carta forno e disponete i vostri burger buns e lasciate raddoppiare di nuovo, in forno spento con luce accesa. Anche quì, le tempistiche sono relative perchè le temperature, l’incordatura , giocheranno un ruolo importante nella capacità dell’impasto di raddoppiare.

Quando saranno raddoppiati, accendete il forno a 200°C e mescolate il tuorlo dell’uovo con il latte , spennellate e cospargete i buns di semi di sesamo o quelli che avrete scelto.

Fate cuocere 17-20 minuti i vostri burger buns a 200° , quando vedete che si saranno completamente dorati , fate prova stecchino e se sono asciutti all’interno, sfornateli. Attenti a non farli cuocere troppo perchè rischiate di ottenere dei burger buns troppo asciutti.

Farcite come meglio credete o come preferite.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

76 + = 85