PANCAKES ZERO-WASTE con esubero di lievito madre

Questa è una di quelle ricette che da subito soddisfazione. Non ci sono lunghe attese , anzi, forse si, ma se preparate il tutto la sera prima di andare a dormire ,il mattino seguento dovrete solo cuocere i vostri pancakes! Non dovrete più buttare il vostro esubero di lievito madre e i pancakes avranno un’aroma e un profumo che vorreste sentire in tutte le cucine per colazione.

In questo periodo in cui tutti ci siamo dedicati alla panificazione , molti sono stati “gli sprechi” dovuti ai rinfreschi ( soprattutto in giovane età) del lievito madre. Mi rendo conto che possa dispiacere dover buttare farina e sicuramente in questo periodo ( ma non solo!) in cui le farine non erano per niente reperibili, era davvero uno spreco non poter avere un modo per riutilizzare il lievito madre”esausto”.

In realtà, io, quando mi ritrovo molto esubero di lievito madre , senza troppe pretese, impasto anche dei piccoli paninetti , delle tigelle , oppure delle piadine che sono uno spettacolo! Non avranno bisogno di eccessiva spinta per lievitare e saranno comunque dei prodotti da forno del tutto rispetto.

Come tutto, il lievito madre , è una questione di ingegno , di pazienza e… di “riciclo”.

Di questo si parla in questa ricetta. Un modo davvero veloce dove a stento vi servirà la bilancia , per avere una colazione ( o un bruch) pronta che si trasformerà in una super coccola.

All’inizio avevo pesato gli ingredienti , poi ho pensato “cavolo, se una ricetta deve essere veloce, deve esserlo davvero!” e allora ho cercato di convertire al meglio le quantità per sapere a quanti “cucchiai e cucchiaini” corrispondevano le dosi che io avevo utilizzato per fare i pancakes. Certo, non sarà una ricetta “di precisione” ma perchè dovrebbe esserlo se il mood e lo scopo sono quelli di andare , in modo sbrigativo , a recuperare qualcosa che altrimenti sarebbe finito nella pattumiera?

Questo è appunto un modo per dare dignità a qualcosa che sarebbe diventato un “rifiuto” e che invece , con i giusti ingredienti , può essere farcito e può diventare qualcosa di delizioso.

Potete anche evitare di mettere lo zucchero , se preferite , e utilizzarli per un brunch salato, magari con dell’avocado e del salmone. Insomma, più facile di così , si muore!

Non avete scuse : aspetto le vostre riproduzioni!

 

INGREDIENTI (dosi per circa 5 pancakes)

  • 100 g di lI.Co.Li non attivo ( esubero )*
  • 2 cucchiai colmi di farina tipo 1 + 1 cucchiaio di segale
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 uovo grande
  • 1 cucchiaio di burro sciolto e messo a raffreddare (opzionale)
  • 1 cucchiaino di sale

*se doveste avere lievito madre solido , discioglietelo in 150 ml di latte ( anche vegetale , di mandorla , ad esempio , o avena!). Anche se il vostro impasto dovesse venire poco liquido, aggiungete del latte al tutto ( circa 50 ml, teneteli sempre vicini mentre impastate e regolatevi mano mano) : la consistenza deve essere quella tipica dell’impasto dei pancakes!

PROCEDIMENTO

1. In una ciotola sbattete l’uovo con lo zucchero, unire il Li.Co.Li e mescolate bene. Aggiungete le farine.

2. Sciogliete il burro in una padella a fuoco medio-alto e , quando sarà sciolto , mettete a raffreddare. Quando sarà freddo, versate il burro nella miscela di uova, zucchero, licoli e farine.

3. Aggiungere il sale.

4.Lasciate tutta la notte a riposare il vostro impasto in frigo, coperto con pellicola trasparente.

5.Il mattino seguente , riscaldate una padella con del burro. Lasciate sciogliere il burro e poi mescolate il vostro impasto che avrà fatto delle piccole bolle in superficie. Versate un mestolo nel padellino e aspettate un paio di minuti per lato , fino a che la pastella si gonfi un po.

6.Capovolgete solo dopo che si sono formate bolle sul primo lato del pancake. Togliete dalla padella una volta che il pancake sarà dorato.

7. Ungete la padella di nuovo , se necessario ,e ripetere con tutti gli altri pancakes.

8. Farcite a piacere i vostri pancakes : io ho scelto marmellata di ribes e lamponi , ricotta e frutta secca!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

56 + = 62