BRIOCHE COL TUPPO

Ecco quì la ricetta delle brioche col tuppoche è stata il tema del primo #frollementecookingwebinar ossia un webinar gratuito della durata di 1-2 ore che mensilmente si svolge sui nostri canali social preferiti, per trascorrere del tempo con la nostra community, cucinando!

Non potevo, in periodo estivo, esimermi dal preparare queste soffici brioche che sono buonissime sia da sole che accompagnate con gelato o granita.

Le brioche col tuppo sono un dolce tipico siciliano, e sono un ottimo accompagnamento nel periodo estivo per tutta una serie di gelati che possiamo produrre con facilità a casa ed abbinare a questi deliziosi dolcetti. Io li ho farciti con gelato alla panna e delle fragole in sciroppo preparate semplicemente in due mosse (mettendole in pentolino con zucchero e cuocendole qualche minuto fino ad ottenere uno sciroppo cremoso e dolcissimo!Perfetto per questa combo di ingredienti!).

Come detto durante il webinar ci sono mille modi per preparare le brioche col tuppo: con lievito madre, con lievito di birra o a lievitazione mista, ma io amo questo metodo perchè è facile e regala dei risultati davvero soddisfacenti.

*Nella ricetta è richiesta la pasta d’arancia, ma dato che molti di voi mi hanno chiesto come fare se non l’hanno a disposizione vi consiglio di mettere dalla sera prima a macerare 20 g di miele e la scorza di un’arancia in una tazzina. Mescolate bene il tutto e coprite con pellicola. Lasciate lì fino all’utilizzo : darà un ottimo sapore di arancio alle vostre brioche. Se riuscite, poi ad acquistare la pasta d’arancia, il risultato sarà ancora più simile al sapore delle classiche brioche col tuppo.

Potete decidere se diminuire le quantità di lievito in base alle ore che preferite far fare di lievitazione. Ricordate che se vorrete procedere con una lunga lievitazione di 18-20 ore, dovrete mettere l’impasto in frigo a 4°C. Se volete procedere con una lievitazione più lenta a temperatura ambiente, controllate la tempratura di casa vostra e dimezzate le dosi di lievito. Ovviamente non posso fornirvi delle tempistiche esatte e delle quantità di lievito esatte in questo caso perchè tutto dipenderà dalla temperatura che avete in casa e dalle condizioni in cui lavorate e dal livello di incordatura dell’impasto.

 

INGREDIENTI (per circa 10 brioche)

  • 500 g Manitoba
  • 90 g zucchero
  • 2 uova 
  • 190 ml latte 
  • 18 g lievito 
  • 70 burro
  • 1 cucchiaio abbondante di pasta di arancia*
  • 1 bacca di vaniglia 
  • 1 pizzico di sale 
  • Scorza di 1 limone 

per spennellare prima della cottura:

  • 20 ml di latte
  • 1 tuorlo d’uovo

per spennellare dopo cottura:

  • 100 g di zucchero
  • 100 g di acqua

PROCEDIMENTO

Mettere in ciotola tutti gli ingredienti tranne il burro. Lavorare per circa 10-15 minuti finchè non otterrete un impasto tenace ed elastico, quindi ben incordato. L’impasto sarà incordato quando si staccherà dalla ciotola e la ripulirà del tutto.

Solo a questo punto aggiungete il burro in due volte. Aggiungete l’altra parte di burro solo dopo che la prima parte sarà stata ben assorbita dall’impasto.

Dopo che avrete finito di impastare, il tutto dovrà risultare lucido e liscio.

Mettete a lievitare in una ciotola, coperta con un tappo ermetico oppure con pellicola e lasciate raddoppiare.

Quando l’impasto sarà raddoppiato, dividete il tutto in porzioni da 100g.

Da questi pezzi di impasto ricavate ancora 2 pezzi, uno leggermente più grande ( con il quale realizzerete la base della brioche col tuppo) , una più piccola dalla quale otterrete la testa della brioche col tuppo.

Piegate ogni pezzo fino ad ottenere delle palline e posizionate sulla teglia, allargando leggermente il centro della base della brioche col tuppo e posizionando sopra la testa.

Mettete a lievitare ancora fino al raddoppio.

Quando saranno raddoppiate, spennellate con latte e uova e infornate in forno preriscaldato a 175°C-180°C e fate cuocere circa 25-30 minuti, finchè non saranno ben dorate.

Quando saranno cotte, sfornate e posizionate su una gratella finchè non saranno arrivate a temperatura ambiente e poi conservatele in un contenitore ermetico oppure in bustine per congelare gli alimenti (o comunque in un ambiente umido!).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

7 + 2 =