TRECCIA RUSTICA DOLCE CON LIEVITO MADRE

C’è ancora tempo.

Tempo per noi, per le cose che amiamo. Tempo per pensare ai lavori, tempo per non avere fretta, tempo per guardare un impasto crescere piano.Me lo ripeto come un mantra, lo incido senza dolore, come una lama sul legno fresco..

A volte sembra che questo mondo non ci lasci respirare, affannati a rincorrere il tempo, ad essere in orario su tutto, ad essere impeccabili.

Eppure è così vicino ciò che ci renderebbe felici.. È così fatto di cose semplici : una buona farina e del lievito naturale. Il tempo della lievitazione e la Natura inizia a fare il suo corso, il risultato è ancor meglio di quello che ci si aspetta.

Provare per credere .

 

Ingredienti:

  • 500 grammi di farina Manitoba
  • 250 grammi di latte (o latte di mandorle)
  • 100 g di lievito madre solido, idratato al 50%
  • 80 gr zucchero
  • 5 g di sale
  • 2 tuorli
  • 50 g di burro
  • 1 tuorlo per spennellare unito ad un goccio di latte e zucchero.


 

Procedimento :

  1. Sciogliere la pasta madre nel latte che avrete messo nella ciotola per impastare.
  2. Versate metà della farina, e iniziate a impastare.
  3. Aggiungete le uova uno alla volta, poi lo zucchero e il burro ammorbito alternando con la restante farina in ultimo il sale
  4. Continuate ad impastare creando aria nell’impasto , dal basso verso l’alto facendo delle pieghe.
  5. Formate una palla mettetela a lievitare in una ciotola coperta con pellicola e panno da cucina tutta la notte.
  6. Il giorno dopo ( io ho iniziato a impastare alle 22.00 della sera prima , fino alle 7.00 del mattino successivo , quindi 9 ore di lievitazione ) prelevate l’impasto, sgonfiatelo sulla spianatoia, dividete l’impasto in due e formate una treccia.
  7. Sistematele all’interno di uno stampo da plumcake,lasciatele lievitare di nuovo, circa 1 oretta.
  8. Spennellate con una miscela di latte uovo e zucchero ,  e infornate a 180° circa  40 minuti.
  9. Lasciate raffreddare e servite con marmellata o crema di nocciole Biologiche, oppure gustatela semplicemente così , da sola, per assaporarne il gusto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *